Un tour nelle cartiere alle radici dell’industria ciociara

Quattro tappe per far conoscere agli studenti le radici dell'industria ciociara. Iniziativa di Unindustria all'interno della Settimana della Cultura d'Impresa

Un tour in quattro tappe, per far conoscere ai giovani quello che ai tempi dei loro nonni era il pilastro dell’economia in provincia di Frosinone: il settore cartario.

Ad organizzarlo è stata Unindustria Area Territoriale di Frosinone in collaborazione con la Sezione Carta, Stampa e Cartotecnica. hanno coinvolto aziende della filiera della carta, dalla raccolta, selezione e commercializzazione del macero, fino alla produzione della carta.

Il tutto, all’interno della XVII Settimana della Cultura d’Impresa che si sta svolgendo a livello nazionale dal 9 al 23 novembre.

Il viaggio ha toccato diverse realtà imprenditoriali di eccellenza del settore: dal Gruppo Sama di Castelliri, azienda alla seconda generazione che offre servizi specifici per quanto riguarda il settore recycling, passando per la Cartiera San Martino fondata dalla famiglia Cerrone intorno al 1890 a Broccostella. L’azienda opera nel settore cartario per la produzione di cartoni accoppiati di diversi spessori.

Il tour ha fatto quindi tappa presso l’azienda Francesco Pisani & Figli Spa di Arpino, produttrice di cartone ondulato e scatole, operante nel Centro-Sud Italia dal 1954, anche essa azienda alla seconda generazione. Il viaggio nel mondo delle aziende cartarie si è concluso nello splendido scenario del palazzo Viscogliosi di Isola Liri, dove si trova l’azienda Binet sul Liri, fondata nel 1987 e leader nazionale nella produzione di feltri umidi e tele essiccatrici.

A visitare queste realtà della Valle del Liri è stato un gruppo costituito da circa quaranta imprenditori guidati dal Presidente della Sezione Carta, Stampa e Cartotecnica di Unindustria Carlo Montedoro .

«Il viaggio nelle aziende coinvolte nell’iniziativa – ha detto – ha mostrato chiaramente la valenza del patrimonio industriale nell’ambito del settore cartario della provincia di Frosinone e per questo voglio ringraziare ancora una volta le imprese che hanno aderito permettendoci così di conoscere delle vere e proprie eccellenze del settore».