Un lavoro da specializzato? Ora ci pensa OccupAzione

Via al progetto pilota OccupAzione. Punta a promuove l'occupazione di personale specializzato. Viene sperimentato in provincia di Frosinone e poi verrà esteso su scala nazionale. Come funziona. A chi è diretto.

L’obiettivo è promuovere l’occupazione di personale specializzato. Il modo in cui riuscirci è nuovo: inserito in un progetto pilota, chiamato OccupAzione, è patrocinato da Confindustria e vede Unindustria impegnata in prima fila.

L’iniziativa è di caratura nazionale. Riguarda la ricerca di personale. Infatti, il progetto nasce dalla firma di un accordo tra Unindustria, Assindustria Veneto Centro, l’Unione degli industriali di Pordenone ed in collaborazione con Umana SpA e Unimpiego Confindustria S.r.l. L’obiettivo è quello di favorire i più efficaci processi di incontro tra domanda ed offerta di lavoro.

Il progetto OccupAzione segue quello varato nelle settimane scorse da Confindustria e Unindustria e orientato alla formazione di ragazzi qualificati, fornendo alle imprese le professionalità più difficili da trovare sul mercato ed ai giovani diplomati una possibilità concreta di trovare occupazione. Per questo è nata la “Fondazione Istituto Tecnico Superiore Meccatronico del Lazio”. (leggi qui L’avanguardia di Unindustria e il deserto della politica)

A chi è rivolto il progetto OccupAzione: a diplomati o qualificati in materie tecniche: quindi che abbiano frequentato con successo un Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato oppure un Istituto tecnico Industriale. Meglio se formati nelle aree meccanica, elettrotecnica, elettronica e geometri.

Potranno essere utilizzati in imprese produttive situate in provincia di Treviso, Padova e Pordenone

Il progetto si avvale della collaborazione del Centro per l’Impiego. I curriculum vitae dovranno arrivare alla sede di Unindustria Frosinone in via del Plebiscito 15 Fr) o alla mail infofr@un-industria.it specificando nell’oggetto “Progetto OccupAzione” entro il 5 aprile 2019.

Coloro che verranno selezionati usufruiranno di un percorso formativo preliminare fino a 200 ore in ambito tecnico, di un contratto di somministrazione iniziale di sei mesi, di retribuzione come previsto dai Contratti di Categoria. È previsto anche un contributo per l’alloggio messo a disposizione dalle imprese.

L’accordo di partenariato è stato siglato da Unindustria rappresentata dal Vice Presidente per il Lavoro e le Relazioni Industriali Bernardo Quaranta, da Assindustria Veneto Centro rappresentata dal Presidente Vicario Maria Cristina Piovesana e da Confindustria rappresentata dal Vice Presidente per il Lavoro e le Relazioni Industriali Maurizio Stirpe e il Vice Presidente per il Capitale Umano Giovanni Brugnoli.