Hyundai nega il suo interesse per Fca

In mattinata Asia Times sosteneva che Hyundai sarebbe pronta a lanciare un'opa su Fiat Chrysler Automobiles. Ma un portavoce del gruppo coreano raffredda gli entusiasmi. Punto di collegamento è il fondo Elliott

Hyundai nega tutto. E dice ai mercati che le indiscrezioni trapelate in mattinata relative ad un suo interesse per Fca sono senza fondamento. A mettere in chiaro la situazione è stato un portavoce del gruppo coreano.

La notizia era stata diffusa dall’Asia Times. Aveva scritto che il ceo Chung Mong-koo starebbe aspettando un ribasso delle azioni Fca prima di lanciare un’Opa.

L’offerta potrebbe essere lanciata in un periodo compreso tra quest’estate e l’assemblea di maggio 2019 quando Sergio Marchionne lascerà l’incarico di Ceo.

A spingere per la fusione tra i due gruppi ci sarebbe, secondo la ricostruzione, il fondo Elliott di Paul Singer, che sul gruppo Hyundai ha investito un miliardo di dollari.

In Borsa Fca ripiega dai massimi di seduta (+6,08%) anche se si mantiene in deciso rialzo (+3,05% a 16,53 euro). In mattinata Fca volava su Piazza Affari e guadagnava fino al 5,4% .