Porti. Civitavecchia, via a nuovo impianto smaltimento in linea con Ue

A Civitavecchia via alla terza linea di trattamento dei rifiuti portuali. È in linea con le normative Ue. I rifiuti diventano nuova materia prima

La Regione Lazio ha autorizzato l’esercizio della terza linea di trattamento dei rifiuti portuali che si aggiunge a quelle già esistenti relative alla depurazione delle acque di sentina e di sterilizzazione dei rifiuti alimentari destinata alla separazione dei rifiuti indifferenziati raccolti all’interno del porto di Civitavecchia.

In questo modo si otterranno ‘famiglie’ di rifiuti omogenee da consegnare ai consorzi per il recupero degli imballaggi. In pratica: cesseranno la qualifica di rifiuto per essere considerate materie prime seconde. È il caso di carta e legno.

Un risultato che porta la S.E.Port. all’avanguardia nel panorama delle aziende che gestiscono i servizi ecologici nei porti nazionali.

Il nuovo impianto– spiega il Presidente dell’Autorita’ di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria Di Majopunta ad azzerare il conferimento in discarica dei rifiuti portuali e consentirà al porto di Civitavecchia di anticipare addirittura le prescrizioni contenute nella recentissima Direttiva dell’Unione Europea (n.883/2019) sui rifiuti prodotti dalle navi scalanti i porti europei“.

Un passo importante per la Società– conclude il Presidente della S.E.Port. Dott. Giancarlo Russo- che rientra nel piano degli investimenti della concessione e che vuole essere una spinta per aprire nuove prospettive alla Societa’ nell’ottica di massimizzare le operazioni di recupero di materiali e tutela dell’ambiente“.