Occupazione, ok alla riforma nel Lazio: nasce l’Agenzia Regionale per il Lavoro

Nel Lazio viene approvata la riforma del Lavoro. Nasce l'Agenzia Regionale per il Lavoro. I quattro pilastri.

Via al nuovo modello di servizi per il lavoro nel Lazio. La riforma sé stata varata dalla Regione e si basa su 4 macro interventi: il primo è la nascita dell’Agenzia Regionale per il Lavoro, poi i sette bandi di concorso per l’assunzione a tempo di interminato di 355 dipendenti, l’assegnazione di nuove competenze e funzioni ai centri per l’impiego, l’attivazione di nuovi servizi e infrastrutture.

Il lavoro è l’emergenza nazionale e una delle cause principali è la mancanza di politiche attive per l’occupazione – ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola ZingarettiChi amministra la cosa pubblica non si può limitare alla gestione delle crisi e degli ammortizzatori sociali, è necessario avere una prospettiva di lungo periodo. Per questo nel Lazio in questi anni abbiamo avviato un percorso innovativo che culmina oggi in una riforma con la quale mettiamo insieme le politiche del lavoro, della formazione e dello sviluppo. Con questa riforma lanciamo un nuovo modello per l’occupazione in sintonia con i bisogni dei lavoratori e con quello che accade nel mondo produttivo“.

L’assessore al Lavoro e Formazione Claudio Di Berardino ha evidenziato come la riforma sia il risultato di una lunga concertazione. È stata messa a punto insieme a tutti i soggetti pubblici e privati che ruotano attorno ai servizi per il lavoro. L’assessore ritiene che la riforma metta «al centro le persone, le imprese e i territori. Il nostro obiettivo è creare solide relazioni per permettere un reale incrocio tra la domanda e l’offerta di lavoro e per fare del Lazio un modello in grado di stare al passo con altre realtà europee».

L’Agenzia regionale Spazio Lavoro si occuperà di valorizzare la funzione pubblica in un’ottica di efficienza del servizio ed efficacia delle politiche. L’attività fondamentale sarà quella di creare strette relazioni con tutti i soggetti pubblici e privati legati al mondo del lavoro, della formazione e dello sviluppo, creando forme di collaborazione, attivando convenzioni e sviluppando in maniera sinergica strategie e strumenti per lo sviluppo delle identita’ produttive territoriali e per l’elaborazione di percorsi formativi e occupazionali coerenti al mercato del lavoro.

Fino al 25 luglio sono aperti i Bandi di concorso per l’assunzione del personale che andrà a comporre l’agenzia regionale e per il potenziamento dell’organico dei centri per l’impiego. I profili professionali ricercati con i bandi sono: esperto del mercato e dei servizi per il lavoro; esperto nella valutazione della performance e analisi della valutazione; assistente nel mercato e servizi per il lavoro; esperto statistico; esperto in area informatica; esperto nella comunicazione e relazioni istituzionali; esperto in service designer.

I differenti profili garantiranno nuovi servizi e competenze anche ai centri per l’impiego.

La copertura finanziaria per i 355 assunti, pari a 16,627 milioni di euro, è assicurata da fondi dello Stato. I 35 ‘Spazio Lavoro‘, centri per l’impiego, saranno erogatori di politiche attive del lavoro, offriranno servizi specifici alle imprese e saranno un riferimento per tutte le fasi occupazionali e di transizione, integrando servizi per la formazione e per lo sviluppo. Si occuperanno, inoltre, della fase attuativa dell’incrocio tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Infine, saranno attivati nuovi servizi e infrastrutture, tra cui l’osservatorio sul mercato del lavoro e della formazione e l’implementazione del sistema informativo per la gestione dei dati.

Dopo l’estate inizierà il restyling dei cpi con la nuova denominazione ‘Spazio lavoro – centro per l’impiego’ e il 1 maggio 2020 verra’ aperto il primo Hub Spazio Lavoro, ufficio territoriale che svolgera’ funzioni specialistiche secondo quanto previsto dall’Agenzia regionale.