Furti in casa, aumentano le assicurazioni

Aumentano le polizze contro i furti in casa. I dettagli ai quali fare attenzione. Langiano (UnipolSai - Demetra) è possibile analizzare il rischio e tarare la polizza. I dispositivi hi-tech antintrusione

Sempre più italiani cercano di tutelarsi dai topi d’appartamento con un’assicurazione casa contro i furti. Secondo un’analisi di Facile.it, la richiesta di queste polizze è aumentata del 5% nel primo semestre dell’anno. A fronte di un premio medio a partire da 2 euro al mese è possibile ottenere un rimborso degli oggetti sottratti dall’abitazione in caso di effrazione.

Gli analisti di Facile.it avvertono però di fare attenzione perché la lista delle esclusioni è spesso lunga e sono molti i casi in cui il risarcimento non viene riconosciuto. Le condizioni che potrebbero ridurre o addirittura azzerare il rimborso della compagnia vanno dall’allarme disattivato, dalla perdita delle chiavi di casa agli infissi di scarsa qualità. La polizza può ridursi, o essere azzerata, anche in caso di un furto agevolato da una finestra aperta, magari mentre il proprietario è in sala a guardare la Tv,

Quando si sottoscrive questo genere di polizza è importante considerare che il costo del premio è strettamente legato al valore che si intende assicurare” spiega Lodovico Agnoli, responsabile New Business di Facile.it.

Il dato in provincia di Frosinone segue il trend nazionale. Gli aumenti delle polizze contro i furti in casa sono aumentate del 6% circa.

«C’è una sempre più crescente attenzione per il discorso dei furti soprattutto a ridosso della vacanze dove si lascia casa incustodita anche per lunghi periodi», commenta Gianrico Langiano di Unipolsai.

Ascoltando le storie dei clienti gli esempi sono tanti. «Racconto brevemente una vicenda accaduta ad un nostro cliente appena qualche mese fa – prosegue LangianoIn una casa poco distante dal centro abitato, saranno state le ore 17 circa di un giorno feriale, entrambi i proprietari, marito e moglie, sono al lavoro e in una casa si trova soltanto la giovane figlia. Suona il citofono, ma lei, presa dalle sue attività, non ci bada. Sa che i suoi genitori non rientreranno prima di qualche ora. Di lì a poco, dalla sua camera, sente un forte rumore provenire del piano inferiore. Riesce a distinguere delle voci maschili che si fanno in fretta più vicine. In poco i malviventi raggiungono il piano superiore e sente avvicinarli alla sua stanza. Lei, terrorizzata, fa appena in tempo a nascondersi sotto il letto e a chiamare il padre col suo cellulare. Sentendo la sua voce al telefono, i ladri scappano via verso il cortile e in un attimo si dileguano. Fortunatamente, questa, le posso garantire direttore, è tra le disavventure finite bene. Tra le tante che registriamo ogni giorno presso la nostra agenzia, ahimè, non sono molte quelle a lieto fine purtroppo».

«Questa storia è finita con un grande spavento per la ragazza e un vetro rotto, ma, come può facilmente immaginare, spesso le cose vanno decisamente peggio. Dopo questa disavventura il papà della ragazza, ancora provato per l’accaduto, si è rivolto a noi. Il consulente Demetra ha proposto le soluzioni più adatte al caso, suggerendo una copertura assicurativa che comprendesse sia delle garanzie per prevenire i furti, sia delle garanzia risarcitorie in caso di furto avvenuto che andassero a coprire anche eventuali danni connessi. Accanto alle coperture, il papà, per non imbattersi più in situazioni analoghe, ha voluto installare i nostri dispositivi hi-tech anti-intrusione».

«Con la polizza Casa&Servizi di UnipolSai, mettiamo a disposizione dei nostri clienti un pacchetto integrato comprensivo sia del servizio assicurativo, che copre le spese e le riparazione che devono sostenersi in caso di furto, sia un kit Antifurto composto da telecamere e sensori perimetrali, per meglio proteggere la loro abitazione».

Cambiano gli stili di vita, c’è più senso del pericolo. A rivolgersi alle assicurazioni sono maggiormente le giovani coppie. Indipendentemente se si abita in un appartamento o in una villa.

«In generale la cosa importante e positiva è la maggiore sensibilità e sensibilizzazione rispetto all’aspetto assicurativo per quanto riguarda l’intera l’abitazione. Più del passato si cerca di coprirsi al rischio di responsabilità civile verso terzi (caduta di un vaso, una tegola o un calcinaccio), della prevenzione da eventi atmosferici e catastrofali o dai sinistri (allagamento per rottura tubatura)Oggi – conclude Langiano – il rischio da coprire è molto più percepito sotto questo aspetto».