C’è la firma dal notaio: addio Ideal nasce SaxaGrestone

Firmato l'atto che cede lo stabilimento Ideal Standard di Roccasecca alla Saxa Grestone dell'imprenditore Francesco Borgomeo. Via alla trasformazione del sito.

La firma è arrivata. Lo stabilimento Ideal Standard di Roccasecca è passato di mano. Ora appartiene alla Saxa Grestone srl la società costituita dall’imprenditore Francesco Borgomeo insieme ai suoi soci finanziari, per rielvare gli impianti e trasformarli da fabbrica di sanitari al principale impianto europeo per la produzione di sampietrini in gres procellanato.

L’annuncio è stato dato in serata da Ideal Standard International la casa madre, con sede in Belgio.

«La società ha firmato un accordo con Saxa Grestone srl per la cessione delle proprie attività a Roccasecca, consentendo la continuità operativa dello stabilimento e dei suoi 279 dipendenti».

Ideal Standard ha supportato il progetto consegnando a Saxa Grestone il terreno, gli stabilimenti e gli impianti della fabbrica, oltre ad un fondo di ristrutturazione di 10 milioni. In cambio, Saxa Grestone gestirà lo stabilimento “in continuità”, assorbendo tutti gli attuali dipendenti senza alcuna modifica al loro contratto di lavoro.

Saxa Grestone ha presentato un solido piano industriale per il sito di Roccasecca, sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico, da Invitalia, dalla Regione Lazio e dai sindacati locali.

Ideal Standard International ha espresso “la propria soddisfazione per l’esito positivo della procedura di negoziazione e consultazione, reso possibile grazie ad uno sforzo congiunto e alla collaborazione di tutte le parti coinvolte, tra cui il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione Lazio, le autorità locali, i sindacati e gli azionisti di Ideal Standard».

L’Italia continua ad essere un mercato importante per Ideal Standard: conclusa l’operazione di Roccasecca, l’azienda rimane impegnata con gli impianti di Milano, Trichiana e Bassano Bresciano