A Frosinone via al progetto Punto Impresa Digitale

La Camera di Commercio di Frosinone ha approvato così il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici.

Una dotazione complessiva di 254mila euro per uno strumento utile alle imprese che vogliono intraprendere il percorso verso la digital transformation; un contributo a fondo perduto per importi fino a 50 mila euro.

Il Ministero dello sviluppo economico ha avviato il “Piano Nazionale Industria 4.0 – Investimenti, produttività ed innovazione”, recentemente rinominato “Piano Nazionale Impresa 4.0” ad evidenziazione della pervasività del nuovo paradigma tecnologico e produttivo.

Tale iniziativa introduce anche in Italia una strategia nazionale sul tema della quarta rivoluzione industriale che adotta, tra le sue linee guida, il principio della “neutralità tecnologica” e quello di “interventi di tipo orizzontale e non settoriale”.

La Camera di Commercio di Frosinone ha approvato così il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici.

Gli interventi finanziabili dovranno riguardare l’acquisto di beni strumentali, servizi di consulenza e/o percorsi formativi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, come: realtà aumentata e ricostruzioni 3D, Industrial Internet e IoT, cloud, cybersicurezza, Big Data e Analytics.

In particolare, si finanzieranno due misure di innovazione tecnologica che rispondono a due obiettivi:

sviluppare la capacità di collaborare tra aziende del territorio e soggetti altamente qualificati nel campo I4.0 (Misura A);

promuovere l’uso da parte delle imprese del Frusinate di servizi e soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali (Misura B).

Le domande per la partecipazione al bando camerale, dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro e non oltre il giorno 7 dicembre 2018.

Per maggiori approfondimenti clicca qui: